La presentazione dei fantini

Ad aprire i quattro giorni di Palio, nella serata di giovedì, si tiene la cerimonia di presentazione dei fantini, un rito recentemente reintrodotto sulla base degli antichi testimoniali, che risulta particolarmente suggestivo e partecipato.
Come era d’abitudine nei secoli scorsi, alle ore 22.30, terminati i cenini in ogni Rione, Borgo o Comune, dai vari angoli della città i “popoli” dei ventuno contendenti convergono verso la Piazza del Comune (Piazza San Secondo) per accompagnare tra canti e sventolio di bandiere i loro portacolori alla segnatura ufficiale che avviene presso il Municipio. A partire dalle ore 23, ogni Rettore si affaccia dal balcone del palazzo comunale, affiancato dal Sindaco e dal Capitano del Palio, per annunciare al popolo riunito nella piazza il fantino a cui ha deciso di affidare le sorti della Corsa del Palio, chiamandolo a ricevere gli applausi dei presenti e gli incitamenti dei propri borghigiani.
Da quel momento il destino di ogni Rione, Borgo e Comune è nelle mani del fantino prescelto, che non è più possibile sostituire se non per grave e documentato infortunio, caso in cui potrebbe però subentrare soltanto uno dei fantini di riserva messi a disposizione dal Comune.